Beam Line Elettra - Progetto Syrmep

La storia

 

Nel 1994, su sollecitazione di alcuni gruppi di ricerca, in particolare dei settori geografico, storico ed archeologico, il Senato Accademico costituisce una Commissione avente il compito di progettare una struttura centralizzata di Ateneo per la generazione, la digitalizzazione, l'archiviazione e la distribuzione via rete di immagini e informazioni cartografiche in forma numerica, di implementare alcune stazioni periferiche di lavoro presso i gruppi di ricerca propositori e di avviare una cooperazione formale con la Direzione Regionale della Pianificazione Territoriale della Regione Friuli Venezia Giulia.

 

La Commissione, formata dai colleghi dell'Università operanti in vari settori della cartografia e da alcuni esperti di informatica distribuita e telematica elabora il progetto SAGIC sotto il coordinamento del Prof. Paolo Inchingolo e ne prevede l'attuazione per fasi successive nel triennio 1994-1996; alla fine del 1994 il progetto viene approvato e finanziato integralmente dall'Ateneo. Una simile iniziativa viene condotta contemporaneamente dall'Ateneo di Udine, ove viene avviato il progetto denominato "Cartesio".

 

Il 13 febbraio 1995, nella Villa Manin di Passariano, vengono siglate le convenzioni tra la Regione Friuli Venezia Giulia (Direzione Regionale Pianificazione territoriale), gli Atenei di Trieste (SAGIC) e di Udine (CARTESIO) allo scopo di favorire l'interscambio gratuito di informazioni cartografiche e territoriali di interesse regionale e di stimolare una stretta collaborazione nel settore anche tra i due Atenei.

 

Ciò che la Regione mette a disposizione dell'Università è tutta la cartografia di base, a piccola (1:25000) e grande (1:5000) scala, prodotta dal Servizio dell'Informazione Territoriale e della Cartografia ed ogni altra informazione o cartografia tematica inserita e resa disponibile nel Sistema Cartografico Regionale. L'Università da parte sua garantisce alla Regione la disponibilità dei propri archivi georiferiti e strutturati (in fase di allestimento), riguardanti studi, ricerche e lavori di tesi svolte da studenti, personale docente e ricercatori che si sono avvalsi di cartografia ed informazioni territoriali tratti dalle copie del Sistema Informativo Regionale rilasciate alle Universita'. Inoltre tra INSIEL S.p.A. e l'Università di Trieste - SAGIC il 29 giugno 1995 viene firmata una convenzione per un'ampia collaborazione nel settore dell'Informatica, per l'assegnazione di stage, tirocini e tesi di diploma, di laurea e di specializzazione con la costituzione di gruppi misti di studio e lavoro.

 

La convenzione prevede inoltre l'installazione da parte di INSIEL all'Ateneo del pacchetto software GEO-DB di gestione degli archivi contenenti le informazioni territoriali e cartografiche della Regione e da parte dell'Ateneo la fornitura ad INSIEL di suggerimenti utili al miglioramento del pacchetto stesso, sulla base dell'esperienza maturata con il suo utilizzo.

 

Il 24 ottobre 1995 a cura dell'Universita' di Trieste, viene organizzata una Tavola Rotonda: "La cooperazione tra la Regione Friuli-Venezia Giulia e gli Atenei di Trieste e Udine sulla cartografia: possibili sinergie con gli enti territoriali e con gli ordini professionali".

L'invito a partecipare viene rivolto a tutti gli enti territoriali regionali e agli ordini e collegi professionali che potrebbero trarre e portare beneficio dall'estensione ad essi della cooperazione avviatasi tra i due Atenei e la Regione e con l'Insiel, al fine di promuovere un'azione congiunta volta alla condivisione delle risorse strumentali e professionali e all'integrazione delle informazioni cartografiche.

 

La Tavola Rotonda evidenzia l'effettiva possibilità di un'ampia cooperazione e il grande interesse di enti territoriali (aziende fornitrici di reti, Catasto Fondiario, Comuni, Direzione Regionale Foreste, Province, Ufficio Tavolare, Vigili del Fuoco etc.) e di ordini professionali ( Architetti, Ingegneri, Notai, Agronomo/Forestali, Geografi, Geologi, Geometri, etc,) ad accedere a basi di dati territoriali cartografiche e non, di contribuire alla loro integrazione e di usufruire di servizi centralizzati di produzione cartografica.

 

A compimento del progetto S.A.G.I.C. dal 18/05/1998 si costituisce, con l’obiettivo di supportare la didattica e la ricerca in campo geomatico, il GeoLab (Laboratorio di Geomatica e Sistemi Informativi Territoriali) come settore dell’attuale Centro di Coordinamento e Sviluppo Progetti e Apparecchiature (CSPA), con il professor Giorgio Manzoni come responsabile scientifico e rappresentante del Consiglio del Geolab. Nel marzo del 1999 verrà assunto come Responsabile tecnico il dott. Michele Fernetti. Sul GeoLab e i gruppi di ricerca ivi afferenti nel 2000 si costituirà il Centro di Eccellenza per la ricerca in Telegeomatica, progetto nazionale finanziato dal MIUR.

 

A partire dal gennaio 2011, il GeoLab entra a far parte del Dipartimento di Matematica e Geoscienze con la denominazione di Servizio di Geomatica e Sistemi Informativi Territoriali, sotto il coordinamento dell’allora direttore di dipartimento Prof. Giorgio Fontolan, e con sede nella palazzina N di via Weiss 8.

 


Informazioni aggiornate al: 19.3.2012 alle ore 11:10