Nata a Trieste, Marina Sbisà si è laureata in Filosofia all'Università di Trieste nel 1971 (relatore: Guido Morpurgo-Tagliabue)

Nata a Trieste, Marina Sbisà si è laureata in Filosofia all'Università di Trieste nel 1971 (relatore: Guido Morpurgo-Tagliabue). Ricercatrice all'Università di Trieste, Dipartimento di Filosofia, dal 1975, vi è diventata nel 1992 professore associato (inizialmente di Semiotica, dal 1998 di Filosofia del Linguaggio) e nel 2001 professore ordinario di Filosofia del Linguaggio. E' coordinatrice del dottorato in Filosofia dell'università di Trieste, presidente del consiglio di corso di studio della Laurea Magistrale classe 78 (Scienze Filosofiche) “Discipline del pensiero e della società” e vicepresidente del consiglio di corso di studio della Laurea triennale interclasse L5&42 “Discipline storiche e filosofiche” della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’università di Trieste.

Nelle sue ricerche, che hanno riguardato temi sia di filosofia del linguaggio che di semiotica, si è occupata di filosofia del linguaggio ordinario, teoria degli atti linguistici e analisi del discorso. Ha sviluppato una riformulazione della nozione di atto illocutorio proposta da J.L. Austin e della sua classificazione degli atti illocutori, e ha applicato la classificazione riveduta all'analisi di conversazioni e altri testi. Ha dedicato attenzione critica alla nozione di soggetto enunciatore, proponendo di considerare la soggettività come costruita interazionalmente. Si è occupata di presupposizione, implicatura, contesto studiando il ruolo della comunicazione implicita nella comprensione del testo. Ha lavorato nell'area degli studi di genere, prendendo in considerazione le immagini e i significati della maternità e la questione della soggettività femminile, e sul tema dell'identità linguistica e culturale. La sua ricerca corrente comprende un progetto di ricostruzione e rivalutazione del pensiero di J.L. Austin intorno ai temi del linguaggio, dell’azione, della conoscenza e del metodo filosofico.

Ha collaborato con J.O. Urmson (Oxford) all'edizione riveduta di J.L. Austin, How to Do Things with Words (1975). Dal 1997 al 2005 ha partecipato a diversi progetti di ricerca d'interesse nazionale (PRIN) nel settore della filosofia. Dal 2001 al 2004 ha partecipato (con la collaborazione di Elena Collavin) al progetto di ricerca europeo "Participation and the Dynamics of Social Positioning - The Case of Biotechnology. Images of Self and Other in Decision-Making Procedures" coordinato da Alfons Bora (Università di Bielefeld). E' stata Visiting Scholar dal 1 marzo al 31 maggio 1999 presso il Department of Philosophy della Johns Hopkins University, Baltimore (MD), USA e da settembre a dicembre 2002 presso il Department of Philosophy della Rutgers University, New Brunswick (NJ), USA. E' stata Visiting Fellow presso il Magdalen College, Oxford, dal 3 gennaio al 31 marzo 2006. Nei mesi di maggio e giugno 2010 è stata professore invitato presso l’Università di Amiens e il CURAPP (CNRS), tenendo seminari presso l’Università di Amiens e l’EHESS (Parigi). Nell'Università di Trieste collabora con il Centro Interdipartimentale Ricerca Didattica ed è coordinatrice del Centro Interdipartimentale Mente e Linguaggio.

Ha tenuto seminari o conferenze presso varie altre Università italiane e straniere: Bologna, Chieti, Genova, Macerata, Milano, Milano Univ. Cattolica, Milano S. Raffaele, Padova, Palermo, Pavia, Perugia, Pisa, Roma, S.Marino, Sassari, Sheffield, Siena, Venezia; Albany (SUNY), Antwerp, Baltimore (Johns Hopkins), Barcelona, Berkeley Ca, Boston (B.U.), Cincinnati, Capodistria/Koper, Leeds, Leuven, Ljubljana, Paris, New Brunswick NJ (Rutgers), Santander, Sapporo (Fuji Women's University), Tilburg, Vienna.

È membro delle seguenti associazioni: Società di Filosofia del Linguaggio, Società Italiana di Filosofia Analitica, Associazione Italiana di Studi Semiotici, Società di Linguistica Italiana, International Pragmatics Association e International Association for Dialogue Analysis. Fa parte del comitato editoriale di Esercizi Filosofici, rivista semestrale on line del Dipartimento di Filosofia dell'Università di Trieste. È Advisory Editor del Journal of Pragmatics e membro dell'Editorial Board delle serie "Pragmatics and Beyond" (John Benjamins, Amsterdam) e "Studies in Pragmatics" (Elsevier).

A partire dal 1974 ha preso parte al movimento delle donne. Dal 1994 al 1997 è stata membro del Comitato Etico dell'Istituto Materno-Infantile "Burlo-Garofolo" di Trieste.  

 


Informazioni aggiornate al: 04.8.2010 alle ore 17:24