Formazione

Ultimo aggiornamento contenuto: 11.05.2015 10:26:10

I corsi per lavoratori prevedono una parte generale di 4 ore più una parte specifica di almeno 4, 8 o 12 ore a seconda del livello di rischio dell'attività svolta dal soggetto, rispettivamente basso per le attività di ufficio o assimilabili, medio per le tipiche attività di ricerca universitaria o alto per mansioni specifiche.

Secondo l'accordo stato-regioni del 21 dicembre 2012 la parte generale destinata alle definizioni e all'introduzione giuridico-normativa deve trattare almeno:

  • concetti di rischio
  • definizione di danno
  • definizione di prevenzione
  • definizione di protezione
  • organizzazione della prevenzione aziendale
  • diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali
  • organi di vigilanza, controllo e assistenza

La parte specifica deve trattare i rischi che il lavoratore incontra negli ambienti che frequenta e nelle attività che svolge:

  • rischi infortuni
  • meccanici generali
  • elettrici generali
  • macchine
  • attrezzature
  • cadute dall'alto
  • rischi da esplosione
  • rischi chimici, Nebbie - Oli - Fumi - Vapori – Polveri
  • etichettatura
  • rischi cancerogeni
  • rischi biologici
  • rischi fisici, Rumore
  • rischi fisici, Vibrazione
  • rischi fisici, Radiazioni
  • rischi fisici, Microclima e illuminazione
  • videoterminali
  • DPI
  • organizzazione del lavoro
  • ambienti di lavoro
  • stress lavoro-correlato
  • movimentazione manuale carichi
  • movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi trasporto)
  • segnaletica
  • emergenze
  • le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico
  • procedure esodo e incendi
  • procedure organizzative per il primo soccorso
  • incidenti e infortuni mancati
  • altri rischi

i possibili danni e le relative misure e relative procedure di prevenzione e protezione. I corsi sono perciò stati strutturati in gruppi suddivisi a seconda degli argomenti trattati:

Le persone sono invitate ai corsi in funzione delle attività dichiarate nella "scheda per le attività previste" per la sorveglianza sanitaria, generalmente coincidenti con i dipartimenti di appartenenza. 

Per essere valido il corso necessita della frequenza di almeno il 90% delle ore di formazione. Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato.

Il corso ha una validità di massima 5 anni, in seguito ai quali dovrà essere previsto un corso di aggiornamento quinquennale della durata minima di 6 ore.


Informazioni aggiornate al: 25.11.2014 alle ore 12:54