Area dei Servizi ICT

Registration Authority

Funzionalità di firma

Validità del certificato digitale


Il Certificato di sottoscrizione (cioè l'insieme di informazioni atte a fornire con certezza la corrispondenza tra il nome del soggetto certificato e la sua chiave pubblica) che viene rilasciato unitamente alle chiavi, ha validità di tre anni. Quindi, la Carta Servizi deve essere rinnovata ogni 3 anni.

Il titolare può inoltre modificare in autonomia il proprio PIN, scaricando il software dalla pagina https://www.firma.infocert.it/installazione/installazione_DiKeUtil.php
o sospendere il certificato per un periodo di tempo desiderato utilizzando la funzione presente sul sito https://www.firma.infocert.it/utenti/sospensione.php.

Un certificato è valido se:
  • è nel periodo di validità
  • è stato emesso da un Ente Certificatore riconosciuto da DigitPA
  • non è presente nelle liste di revoca o sospensione
Una firma digitale non è valida se non lo è il certificato relativo.

Rinnovare la carta servizi


Il rinnovo si effettua tramite appuntamento con l’Ufficio R.A. in tempo sufficientemente ragionevole per poter programmare il rinnovo quindi non in prossimità dell’imminente scadenza.
E' possibile rinnovare la smart card nei 90 giorni precedenti la scadenza. Se trascorre questo termine, la card diventa inutilizzabile e sarà necessario richiederne un'altra, con costi aggiuntivi per l'Università dovuti al rilascio di una nuova smart card.

Per il rinnovo della firma remota, è necessario disporre del dispositivo per la gestione dei codice OTP (a seconda della scelta: cellulare, Token) e predisporsi a definire un nuovo PIN di firma (numerico di 8 cifre).
Il certificato di firma potrà essere rinnovato autonomamente entro e non oltre il giorno antecedente la data di scadenza che verrà opportunamente comunicata seguendo le indicazioni

La revoca e la sospensione del certificato


La revoca e la sospensione sono le operazioni tramite le quali il Certificatore annulla la validità del certificato prima della naturale scadenza.

Motivi per la revoca di un certificato


Il Certificatore può eseguire la revoca di un certificato su propria iniziativa o su richiesta del titolare. La revoca va richiesta quando la chiave privata sia stata compromessa, ovvero:
  • sia stato smarrito il dispositivo di firma che contiene la chiave;
  • sia venuta meno la segretezza della chiave o del suo codice di attivazione (PIN);
  • si sia verificato un qualunque evento che abbia compromesso il suo possesso (perdita del PIN, guasto del dispositivo, ecc.)
  • il titolare non riesce più ad utilizzare il dispositivo di firma in suo possesso (Perdita del PIN, guasto del dispositivo, ecc.)
  • si verifica un cambiamento dei dati del titolare presenti nel certificato
  • viene verificata una sostanziale condizione di non rispetto del Manuale Operativo

Revoca su iniziativa del titolare


In caso di smarrimento/sottrazione della Smart Card il titolare dovrà presentare la richiesta di revoca del Certificato di sottoscrizione, in forma scritta, specificando la motivazione di tale revoca e la sua decorrenza.
L'utente titolare può richiedere la revoca esclusivamente tramite l’Ufficio R.A. dell'Area dei Servizi ICT presentando una richiesta scritta, accompagnata da una fotocopia di un documento di riconoscimento.

La Carta Servizi dovrà essere necessariamente e tempestivamente riconsegnata al Ufficio R.A. nel caso di cessazione, per qualunque motivo, del rapporto con l’Ateneo, ai fini della revoca della medesima.


Informazioni aggiornate al: 09.1.2018 alle ore 12:41