News viewer

News 28: Scomparsa prof. Mario Stefanelli
Nella notte tra il 18 e il 19 ottobre 2010 è prematuramente mancato il prof. Mario Stefanelli, professore ordinario di Bioingegneria presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia. Giovedì 21 ottobre, alle ore 12,00, nel cortile Volta dell’Università si svolgerà la cerimonia funebre di commemorazione. Mario Stefanelli, laureato con lode in Ingegneria Elettrotecnica nel 1969 presso l'Università di Pavia, alunno del collegio Ghislieri, ha svolto presso l’Ateneo pavese la sua attività di ricerca e di didattica come Professore Ordinario dapprima nel campo dei controlli automatici e successivamente della bioingegneria. La sua grande passione per quest’ultima lo ha portato ad essere, a Pavia, fra i fondatori del corso di Diploma Universitario in Ingegneria Biomedica, del corso di Laurea in Bioingegneria, nonché del Dottorato di Ricerca in Bioingegneria e Bioinformatica. Ha diretto il Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell’Università di Pavia, al cui interno ha fondato il Laboratorio di Informatica Biomedica, che con la passione del lavoro quotidiano ha fatto crescere nel tempo fino alle dimensioni attuali di circa trenta persone fra docenti, dottorandi e giovani ricercatori. A livello nazionale, è stata una delle personalità più influenti del Gruppo Nazionale di Bioingegneria del quale era stato uno dei fondatori. La sua visione della ricerca non confinata solo all’interno dell’Accademia lo ha portato, alla fine degli anni ’80, a promuovere la nascita del Consorzio di Bioingegneria e Informatica Medica di Pavia. Con lo stesso spirito in questi ultimi anni ha speso molte delle sue energie per il progetto di un Polo Tecnologico pavese, che considerava la sfida conclusiva della sua carriera, nell’interesse dell’Ateneo e della città. Per la sua Università ha anche ricoperto la carica di Prorettore ai modelli organizzativi ed ai sistemi informativi, con particolare attenzione ai servizi per gli studenti. E’ stato inoltre Fondatore e Presidente del Nucleo di Valutazione, avviando tra i primi in Italia un serio tentativo di valutazione della didattica e della ricerca accademiche. In questo ambito è stato anche consulente del Ministero dell’Università e della Ricerca. Il suo contributo anche a livello nazionale gli è valso il titolo di Cavaliere del Lavoro. Sempre grande è stato il suo impegno nella ricerca a livello internazionale: ha diretto numerosi progetti della Comunità Europea e di collaborazione con le maggiori Università degli Stati Uniti e ha fatto parte delle principali società scientifiche di bioingegneria e informatica medica; è stato inoltre membro dell'Editorial Board di prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla fondazione della società europea di Intelligenza Artificiale in Medicina ed è stato il primo Italiano a essere eletto Fellow dell’American College of Medical Informatics. Ha dato contributi fondamentali nel campo dei modelli di sistemi biologici, dei sistemi basati su conoscenza in medicina e dei modelli dell’organizzazione sanitaria.
Author: Agostino Accardo
Expiry date: 2010-12-31
 

<< Back to news